Lipsia, 24 giugno 2024 – L’Italia si fa prendere per mano dalla paura ma poi, all’ultimo secondo, trova il guizzo che la salva e la porta agli ottavi di finale di Euro 2024. Un pareggio per 1-1 contro la Croazia, sofferto ma preziosissimo, che regala agli azzurri di Mancini il primo posto nel girone e la sfida con la Svizzera a Berlino sabato prossimo.

La partita è subito vivace, con entrambe le squadre che cercano il gol senza timori. Al 55′ la Croazia passa in vantaggio con un magistrale colpo di destro di Modrić. L’Italia non si arrende e continua a spingere, sfiorando il pareggio in diverse occasioni. Al 98′, finalmente, arriva la liberazione: cross di Dimarco, sponda di Chiesa e tap-in vincente di Zaccagni. Esplode la gioia sugli spalti, dove il pubblico azzurro ha sostenuto la squadra per tutta la partita.

Un pareggio che sa di impresa per l’Italia, che ha dovuto affrontare una Croazia molto forte e determinata. Ma gli azzurri, ancora una volta, hanno dimostrato carattere e cuore, centrando un traguardo importante in questo Europeo. Ora testa alla sfida con la Svizzera, con l’obiettivo di continuare a volare verso il sogno.

“Abbiamo sofferto, soprattutto nel primo tempo, dove la Croazia ha avuto il controllo del gioco. Nella ripresa siamo cresciuti e abbiamo creato diverse occasioni. Il pareggio all’ultimo secondo è un premio alla nostra tenacia. Adesso concentriamoci sugli ottavi, dove ci aspetta un’altra sfida difficile contro la Svizzera.”

Zaccagni: “Un gol indimenticabile. Dedico questo pareggio a tutta la squadra e ai tifosi”

“E’ un gol che non dimenticherò mai. Sono felice di aver aiutato la squadra a centrare questo traguardo importante. Dedico questo pareggio a tutti i miei compagni, al mister e ai tifosi che ci hanno sempre sostenuti.”

Le pagelle dell’Italia:

  • Donnarumma: 7 – Sempre attento e sicuro tra i pali. Salva un rigore a Perisic nel secondo tempo.
  • Di Lorenzo: 6.5 – Prestazione solida. Soffre un po’ Perisic, ma non si fa mai superare.
  • Mancini: 6.5 – Prestazione sufficiente. Mette in difficoltà la retroguardia croata con le sue accelerazioni.
  • Bonucci: 7 – Partita di grande esperienza. Chiude su Kramaric e compagni con autorità.
  • Bastoni: 6.5 – Prestazione discreta. Commette qualche errore di posizionamento, ma nel complesso se la cava.
  • Dimarco: 7 – Ottima prova. Spinge con grinta sulla sua fascia e mette in mostra un cross perfetto per il gol di Zaccagni.
  • Barella: 6.5 – Solita grinta e sacrificio. Recupera molti palloni e prova a dare ritmo alla manovra.
  • Jorginho: 6 – Prestazione sufficiente. Gestisce il pallone con la sua consueta qualità, ma cala un po’ nella ripresa.
  • Pellegrini: 5.5 – Prestazione deludente. Non entra mai in partita e viene sostituito da Cristante nella ripresa.
  • Berardi: 6 – Prova discreta. Si fa vedere con alcune giocate individuali, ma non riesce a incidere come al solito.
  • Raspadori: 5.5 – Prestazione poco incisiva. Non trova mai la via del gol e viene sostituito da Chiesa nella ripresa.

Sostituiti:

  • Cristante (6): Porta ordine e qualità al centrocampo.
  • Chiesa (7): Incide subito con il suo ingresso in campo. Sfiora il gol con un tiro a giro e serve l’assist per il pareggio di Zaccagni.

Arbitro: Brych (Germania) – 6.5 – Dirige la gara con personalità. Non ci sono grosse sbavature.

Di admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *